Come funziona l’orecchio?

La salute dell’udito è anche salute del cervello, un buon udito aiuta il cervello a rimanere in forma. La sordità non trattata porta ad allontanarsi dalla vita sociale e a un peggioramento cognitivo: quando perdi l’udito perdi il contatto con le persone.

Come funziona l’udito? Dal padiglione auricolare si entra nel condotto uditivo fino al timpano che vibra come un tamburo grazie ai suoni.
Dietro ad esso ci sono tre ossicini: martello, incudine e staffa, che pompano amplificando il segnale all’interno di un involucro osseo pieno di liquidi, la coclea. Muovendosi questi liquidi spostano le ciglia delle cellule che attivano il nervo acustico.

La coclea analizza il suono in forma analogica per poi tradurlo nel linguaggio digitale del nervo acustico. Il suono parla italiano ed il nervo in giapponese, ci vuole qualcuno in mezzo che lo traduca e questo è la coclea. Se il traduttore è difettoso, traduce male.

La disfunzione della regione cocleare, che riguarda anche la presbiacusia, è la causa del 90% delle sordità: si fatica a comprendere le parole soprattutto nel rumore.

Dalla coclea il nervo, che è come un cavo elettrico, trasporta il messaggio fino al cervello per arrivare alla comprensione. Quando l’udito peggiora la richiesta di attenzione e il carico cognitivo (memoria di lavoro) aumentano per permettere la comprensione. Spesso ci si sente stanchi e affaticati.

Leggi l’articolo completo estratto da TOP500.

    Prenota un test gratuito oppure richiedi un appuntamento

     Ho letto e accetto l'Informativa Privacy